Dopo tutto, una velocità massima di 50 km / h si applicherebbe ancora su un terzo dei 2.800 chilometri della rete stradale di Vienna.

Dopo tutto, una velocità massima di 50 km / h si applicherebbe ancora su un terzo dei 2.800 chilometri della rete stradale di Vienna.

Sicurezza per i bambini

L’iniziativa è dedicata anche alla sicurezza stradale per i bambini. Il municipio vuole 350 posti scolastici senza auto entro il 2030 per evitare i taxi dei genitori. Inoltre, più zone a 30 km / h dovrebbero prevenire gli incidenti. Dopo tutto, una velocità massima di 50 km / h si applicherebbe ancora su un terzo dei 2.800 chilometri della rete stradale di Vienna.

Cambia i circuiti del semaforo

Affinché più persone siano a piedi o in bicicletta, i semafori dovrebbero essere cambiati in modo che non si concentrino più principalmente sulla fluidità del traffico automobilistico. Al momento, escursionisti e ciclisti spesso devono aspettare molto tempo prima che le luci diventino verdi. È anche raccomandato per più opzioni di attraversamento sulle strade principali.

Fermate dei trasporti pubblici più attraenti

“Platz für Wien” sta anche promuovendo fermate dei trasporti pubblici più attraenti. Dopotutto, molte pensiline di autobus e tram non hanno protezione dalle intemperie e solo piccole aree di attesa. Le stazioni dovrebbero anche essere utilizzate immediatamente per usarle per trasferire hub per ciclismo o altre offerte di condivisione. La rete di city bike dovrebbe inoltre essere raddoppiata di 125 località nei prossimi cinque anni e ampliata per includere le cargo bike.

L’iniziativa (

può essere firmato qui

) vuole raccogliere quante più firme di sostegno possibile prima delle elezioni di Vienna in autunno, ha affermato. Il “numero simbolico” dato è 57.255 – che corrisponde al cinque per cento degli elettori ammissibili a Vienna e quindi l’ostacolo per presentare un progetto di legge al Landtag di Vienna tramite referendum a livello statale.

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

60 chilometri di aree pedonali e di incontro aggiuntive, 13 piste ciclabili veloci o 350 aree scolastiche senza auto: l’iniziativa

“Posto per Vienna”

, Di cui è membro anche il pianificatore del traffico Ulrich Leth dell’Università tecnologica di Vienna, si batte per un ripensamento radicale della politica del traffico. Quando si terranno le elezioni di Vienna, saranno raccolte decine di migliaia di firme per le richieste pubblicate mercoledì.https://slim4vit.pro/

Il movimento, che si finanzia con donazioni, comprende circa 50 persone della società civile, secondo le sue stesse dichiarazioni, e il sostegno arriva da Ong come Radlobby o “Goes Vienna”. Le firme raccolte saranno consegnate al consiglio comunale e ai rappresentanti distrettuali prima delle elezioni di Vienna in autunno. Almeno un fautore dell’iniziativa non è estraneo al municipio. L’esperto di traffico TU Leth ha ripetutamente condotto studi per progetti di riduzione del traffico per il Partito dei Verdi di Vienna, più recentemente per esempio sulla Landstraßer Hauptstrasse.

18 punti sono elencati nel pacchetto di richieste pubblicato oggi, che ha un orizzonte temporale obiettivo del 2030, al governo della città rosso-verde. Si tratta di un più forte allineamento dell’infrastruttura del traffico alle esigenze di pedoni e ciclisti nella rete stradale viennese, di attraversamenti sicuri per i bambini, ma anche di opzioni di progettazione nella lotta contro le isole di calore legate al cambiamento climatico in città.

Riduzione del traffico, rinverdimento

La petizione chiede di ridurre il traffico in altre 100 aree residenziali entro il 2030 al fine di ridurre al minimo il traffico e creare un maggiore potenziale di inverdimento. Inoltre, sostengono altri 60 chilometri di aree pedonali e di incontro. Questi attualmente costituiscono solo 24 chilometri attraverso Vienna. Gli iniziatori generalmente vedono una disparità nella divisione delle aree. Sebbene la quota di traffico automobilistico sia solo del 30%, la quota di strade è ancora di due terzi.

Marciapiedi più grandi

Marciapiedi generosi – il 38 percento o 1.457 chilometri del marciapiede urbano sono attualmente larghi meno di due metri – e nella lista si possono trovare anche 15.000 nuovi alberi in strada, principalmente nei quartieri afflitti dal caldo.

Corridoi espressi per ciclisti

Per i ciclisti dovrebbero esserci 110 chilometri di nuovi corridoi ad alta velocità nei prossimi anni. La città ha già progettato 13 percorsi di questo tipo con una lunghezza di 140 chilometri, ma ne ha implementati solo 30: finora non è stato completato un solo collegamento, si è lamentato. Significativamente più possibilità di andare in bicicletta contro il senso unico, un aumento delle piste ciclabili strutturalmente separate e 50 chilometri di piste ciclabili su cui i ciclisti hanno la priorità sono richiesti.

Sicurezza per i bambini

L’iniziativa è dedicata anche alla sicurezza stradale per i bambini. Il municipio vuole 350 posti scolastici senza auto entro il 2030 per evitare i taxi dei genitori. Inoltre, più zone a 30 km / h dovrebbero prevenire gli incidenti. Dopo tutto, una velocità massima di 50 km / h si applicherebbe ancora su un terzo dei 2.800 chilometri della rete stradale di Vienna.

Cambia i circuiti del semaforo

Affinché più persone siano a piedi o in bicicletta, i semafori dovrebbero essere cambiati in modo che non si concentrino più principalmente sulla fluidità del traffico automobilistico. Al momento, escursionisti e ciclisti spesso devono aspettare molto tempo prima che le luci diventino verdi. È anche raccomandato per più opzioni di attraversamento sulle strade principali.

Fermate dei trasporti pubblici più attraenti

“Platz für Wien” sta anche promuovendo fermate dei trasporti pubblici più attraenti. Dopotutto, molte pensiline di autobus e tram non hanno protezione dalle intemperie e solo piccole aree di attesa. Le stazioni dovrebbero anche essere utilizzate immediatamente per usarle per trasferire hub per ciclismo o altre offerte di condivisione. La rete di city bike dovrebbe inoltre essere raddoppiata di 125 località nei prossimi cinque anni e ampliata per includere le cargo bike.

L’iniziativa (

può essere firmato qui

) vuole raccogliere quante più firme di sostegno possibile prima delle elezioni di Vienna in autunno, ha affermato. Il “numero simbolico” dato è 57.255 – che corrisponde al cinque per cento degli elettori ammissibili a Vienna e quindi l’ostacolo per presentare un progetto di legge al Landtag di Vienna tramite referendum a livello statale.

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

60 chilometri di aree pedonali e di incontro aggiuntive, 13 piste ciclabili veloci o 350 aree scolastiche senza auto: l’iniziativa

“Posto per Vienna”

, Di cui è membro anche il pianificatore del traffico Ulrich Leth dell’Università tecnologica di Vienna, si batte per un ripensamento radicale della politica del traffico. Quando si terranno le elezioni di Vienna, saranno raccolte decine di migliaia di firme per le richieste pubblicate mercoledì.

Il movimento, che si finanzia con donazioni, comprende circa 50 persone della società civile, secondo le sue stesse dichiarazioni, e il sostegno arriva da Ong come Radlobby o “Goes Vienna”. Le firme raccolte saranno consegnate al consiglio comunale e ai rappresentanti distrettuali prima delle elezioni di Vienna in autunno. Almeno un fautore dell’iniziativa non è estraneo al municipio. L’esperto di traffico TU Leth ha ripetutamente condotto studi per progetti di riduzione del traffico per il Partito dei Verdi di Vienna, più recentemente per esempio sulla Landstraßer Hauptstrasse.

18 punti sono elencati nel pacchetto di richieste pubblicato oggi, che ha un orizzonte temporale obiettivo del 2030, al governo della città rosso-verde. Si tratta di un più forte allineamento dell’infrastruttura del traffico alle esigenze di pedoni e ciclisti nella rete stradale viennese, di attraversamenti sicuri per i bambini, ma anche di opzioni di progettazione nella lotta contro le isole di calore legate al cambiamento climatico in città.

Riduzione del traffico, rinverdimento

La petizione chiede di ridurre il traffico in altre 100 aree residenziali entro il 2030 al fine di ridurre al minimo il traffico e creare un maggiore potenziale di inverdimento. Inoltre, sostengono altri 60 chilometri di aree pedonali e di incontro. Questi attualmente costituiscono solo 24 chilometri attraverso Vienna. Gli iniziatori generalmente vedono una disparità nella divisione delle aree. Sebbene la quota di traffico automobilistico sia solo del 30%, la quota di strade è ancora di due terzi.

Marciapiedi più grandi

Marciapiedi generosi – il 38 percento o 1.457 chilometri del marciapiede urbano sono attualmente larghi meno di due metri – e nella lista si possono trovare anche 15.000 nuovi alberi in strada, principalmente nei quartieri afflitti dal caldo.

Corridoi espressi per ciclisti

Per i ciclisti dovrebbero esserci 110 chilometri di nuovi corridoi ad alta velocità nei prossimi anni. La città ha già progettato 13 percorsi di questo tipo con una lunghezza di 140 chilometri, ma ne ha implementati solo 30: finora non è stato completato un solo collegamento, si è lamentato. Significativamente più possibilità di andare in bicicletta contro il senso unico, un aumento delle piste ciclabili strutturalmente separate e 50 chilometri di piste ciclabili su cui i ciclisti hanno la priorità sono richiesti.

Sicurezza per i bambini

L’iniziativa è dedicata anche alla sicurezza stradale per i bambini. Il municipio vuole 350 posti scolastici senza auto entro il 2030 per evitare i taxi dei genitori. Inoltre, più zone a 30 km / h dovrebbero prevenire gli incidenti. Dopo tutto, una velocità massima di 50 km / h si applicherebbe ancora su un terzo dei 2.800 chilometri della rete stradale di Vienna.

Cambia i circuiti del semaforo

Affinché più persone siano a piedi o in bicicletta, i semafori dovrebbero essere cambiati in modo che non si concentrino più principalmente sulla fluidità del traffico automobilistico. Al momento, escursionisti e ciclisti spesso devono aspettare molto tempo prima che le luci diventino verdi. È anche raccomandato per più opzioni di attraversamento sulle strade principali.

Fermate dei trasporti pubblici più attraenti

“Platz für Wien” sta anche promuovendo fermate dei trasporti pubblici più attraenti. Dopotutto, molte pensiline di autobus e tram non hanno protezione dalle intemperie e solo piccole aree di attesa. Le stazioni dovrebbero anche essere utilizzate immediatamente per usarle per trasferire hub per ciclismo o altre offerte di condivisione. La rete di city bike dovrebbe inoltre essere raddoppiata di 125 località nei prossimi cinque anni e ampliata per includere le cargo bike.

L’iniziativa (

può essere firmato qui

) vuole raccogliere quante più firme di sostegno possibile prima delle elezioni di Vienna in autunno, ha affermato. Il “numero simbolico” dato è 57.255 – che corrisponde al cinque per cento degli elettori ammissibili a Vienna e quindi l’ostacolo per presentare un progetto di legge al Landtag di Vienna tramite referendum a livello statale.

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

60 chilometri di aree pedonali e di incontro aggiuntive, 13 piste ciclabili veloci o 350 aree scolastiche senza auto: l’iniziativa

“Posto per Vienna”

, Di cui è membro anche il pianificatore del traffico Ulrich Leth dell’Università tecnologica di Vienna, si batte per un ripensamento radicale della politica del traffico. Quando si terranno le elezioni di Vienna, saranno raccolte decine di migliaia di firme per le richieste pubblicate mercoledì.

Il movimento, che si finanzia con donazioni, comprende circa 50 persone della società civile, secondo le sue stesse dichiarazioni, e il sostegno arriva da Ong come Radlobby o “Goes Vienna”. Le firme raccolte saranno consegnate al consiglio comunale e ai rappresentanti distrettuali prima delle elezioni di Vienna in autunno. Almeno un fautore dell’iniziativa non è estraneo al municipio. L’esperto di traffico TU Leth ha ripetutamente condotto studi per progetti di riduzione del traffico per il Partito dei Verdi di Vienna, più recentemente per esempio sulla Landstraßer Hauptstrasse.

18 punti sono elencati nel pacchetto di richieste pubblicato oggi, che ha un orizzonte temporale obiettivo del 2030, al governo della città rosso-verde. Si tratta di un più forte allineamento dell’infrastruttura del traffico alle esigenze di pedoni e ciclisti nella rete stradale viennese, di attraversamenti sicuri per i bambini, ma anche di opzioni di progettazione nella lotta contro le isole di calore legate al cambiamento climatico in città.

Riduzione del traffico, rinverdimento

La petizione chiede di ridurre il traffico in altre 100 aree residenziali entro il 2030 al fine di ridurre al minimo il traffico e creare un maggiore potenziale di inverdimento. Inoltre, sostengono altri 60 chilometri di aree pedonali e di incontro. Questi attualmente costituiscono solo 24 chilometri attraverso Vienna. Gli iniziatori generalmente vedono una disparità nella divisione delle aree. Sebbene la quota di traffico automobilistico sia solo del 30%, la quota di strade è ancora di due terzi.

Marciapiedi più grandi

Marciapiedi generosi – il 38 percento o 1.457 chilometri del marciapiede urbano sono attualmente larghi meno di due metri – e nella lista si possono trovare anche 15.000 nuovi alberi in strada, principalmente nei quartieri afflitti dal caldo.

Corridoi espressi per ciclisti

Per i ciclisti dovrebbero esserci 110 chilometri di nuovi corridoi ad alta velocità nei prossimi anni. La città ha già progettato 13 percorsi di questo tipo con una lunghezza di 140 chilometri, ma ne ha implementati solo 30: finora non è stato completato un solo collegamento, si è lamentato. Significativamente più possibilità di andare in bicicletta contro il senso unico, un aumento delle piste ciclabili strutturalmente separate e 50 chilometri di piste ciclabili su cui i ciclisti hanno la priorità sono richiesti.

Sicurezza per i bambini

L’iniziativa è dedicata anche alla sicurezza stradale per i bambini. Il municipio vuole 350 posti scolastici senza auto entro il 2030 per evitare i taxi dei genitori. Inoltre, più zone a 30 km / h dovrebbero prevenire gli incidenti. Dopo tutto, una velocità massima di 50 km / h si applicherebbe ancora su un terzo dei 2.800 chilometri della rete stradale di Vienna.

Comments are closed.