Tali procedure legislative, che sarebbero necessarie se la direttiva 94/62 / CE dovesse essere modificata, di solito richiedono diversi mesi, ma una decisione prima delle elezioni europee di maggio 2014 potrebbe essere possibile, secondo i circoli parlamentari dell’UE a Bruxelles lunedì.

Tali procedure legislative, che sarebbero necessarie se la direttiva 94/62 / CE dovesse essere modificata, di solito richiedono diversi mesi, ma una decisione prima delle elezioni europee di maggio 2014 potrebbe essere possibile, secondo i circoli parlamentari dell’UE a Bruxelles lunedì.

Tali procedure legislative, che sarebbero necessarie se la direttiva 94/62 / CE dovesse essere modificata, di solito richiedono diversi mesi, ma una decisione prima delle elezioni europee di maggio 2014 potrebbe essere possibile, secondo i circoli parlamentari dell’UE a Bruxelles lunedì.

© APA / Schmitt

La necessità di recuperare il ritardo con le borse, particolarmente pericolose per la fauna marina, non è la stessa per tutti i paesi dell’UE: “Alcuni Stati membri sono già riusciti a ridurre il consumo di sacchetti di plastica. Se altri Stati membri seguiranno l’esempio, potremmo ridurre il consumo attuale fino all’80% in totale “sperava il commissario per l’ambiente. In ogni caso, la minaccia per le acque è enorme; nel solo Mediterraneo galleggiano più di 200 miliardi di particelle di plastica per un peso totale di 500 tonnellate, si è detto per ultimo.

198 sacchi all’anno

Secondo i dati della Commissione, ogni cittadino dell’UE utilizza una media di 198 sacchetti di plastica all’anno, la maggior parte dei quali realizzati in plastica leggera. C’erano grandi differenze nel consumo annuale, che varia da quattro sacche in Danimarca e Finlandia a 466 in Polonia, Portogallo e Slovacchia, secondo le stime. In Austria questo valore è 51. Secondo il Ministero dell’Ambiente, il peso totale del volume annuale dei sacchetti di plastica è compreso tra 5.000 e 7.000 tonnellate, che corrisponde allo 0,01 per cento di tutti i rifiuti. Il riciclaggio avviene materialmente o termicamente.

Reazioni positive

Le reazioni alla proposta di Potocnik sono state costantemente positive. “Ogni sacchetto di plastica in meno è un passo verso una maggiore protezione ambientale e sostenibilità. L’obiettivo deve essere: lontano dal sacchetto di plastica”, ha affermato il ministro dell’Ambiente Nikolaus Berlakovich (ÖVP). Il pacchetto di misure è stato accolto favorevolmente anche dalla SPÖ e dai Verdi. Tuttavia, c’erano anche critiche nei confronti dei responsabili della politica. La portavoce dell’ambiente verde Christiane Brunner ha dichiarato: “Mentre molti paesi hanno già implementato un divieto o una tassa sui sacchetti di plastica, il governo austriaco ha sempre parlato dell’UE e bloccato tutte le misure efficaci. Il tempo delle scuse è finalmente finito. “

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

slim4vit

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

Commenti

Registrati

Connettiti con facebook

Foresta mercoledì, 6 novembre 2013 02:00

rapporto

rispondere

È solo una distrazione! Media tipici

Ignaz-Kutschnberger, lunedì, 4 novembre 2013 22:35

rapporto

rispondere

I politici sapranno già perché … Ai tempi del KGB, l’utile busta di plastica non veniva usata solo per fare la spesa, ma anche per i concittadini sgraditi con una borsa in testa … beh, probabilmente è un’altra storia;) … come ho detto , i politici avranno le loro ragioni per essere così contrari a queste borse versatili in questo momento …

wintersunMon., 4 novembre 2013 22:33

rapporto

rispondere

Un passo nella giusta direzione, ma pura vetrina. Se vai in un supermercato e guardi tutto ciò che è inutilmente imballato nella plastica, i sacchi non ne costituiscono una percentuale elevata, personalmente penso che le bottiglie di plastica siano le peggiori. Completamente inutile e addirittura dannoso per la salute, motivo per cui bevo le mie bevande quasi esclusivamente da bottiglie di vetro! Acqua, succhi di frutta, birra, vino e persino limonata si possono ancora trovare in bottiglie di vetro. Quindi presta attenzione al tuo comportamento di acquisto e puoi risparmiare un’enorme quantità (!) Di spazzatura. E questo con una sola persona.

Lunedì 4 novembre 2013 22:17

rapporto

rispondere

Chiunque abbia visto Plastic Planet sa come funziona questa roba sporca. È comunque solo un errore ed è indicativo, perché milioni di prodotti arrivano in imballaggi di plastica colorati non necessari, la maggior parte completamente disfunzionali e utilizzati solo per la pubblicità, non si cambia nulla, anche se questo fa il disastro più grande, ma il sacco deve andare. Bene, marchio di protezione ambientale dell’UE.

11223344 Lunedì 04 novembre 2013 18:42

rapporto

che ne dici se tagliamo i costi per l’ue e i suoi commissari? ne trarrebbe beneficio anche l’ambiente, si eliminerebbero i voli interminabili dei parlamentari e ogni paese potrebbe riprendersi e finalmente assegnare al lavoro i funzionari in eccedenza.

christian95, lunedì, 4 novembre 2013 19:35

rapporto

NON meritiamo nient’altro! “NOI” abbiamo detto SÌ a questa UE con 2/3 – ora ce l’abbiamo! Gli svizzeri devono piegarsi dalle risate.

Ignaz-Kutschnberger, lunedì, 4 novembre 2013 22:39

rapporto

Sì, ma solo perché ci è permesso sostenere Grecia, Romania, Bulgaria e …. oggi :))

Registrati

Connettiti con facebook

heinz49 Lun., 4 novembre 2013 17:02

rapporto

200 miliardi di particelle nel Mediterraneo con un peso di 500 tonnellate, corrispondono a una dimensione delle particelle di circa 3 mm3, in qualche modo penso che i numeri siano sbagliati

wintersunMon., Nov.04 2013 22:24

rapporto

Molte di queste parti in plastica dovrebbero essere piuttosto minuscole, di dimensioni millimetriche. Ma non posso dire nulla di più preciso sulle cifre citate.

Registrati

Connettiti con facebook

christian95 Lun., 4 novembre 2013 14:56

rapporto

rispondere

Ogni mese un nuovo record per i disoccupati! Ma i pezzi grossi pagati a Bruxelles si prendono cura dei sacchetti di plastica.

mawi67Mon., 4 novembre 2013 14:05

rapporto

Mettiamolo una tassa e andrà di nuovo tutto bene!

christian95, lunedì 4 novembre 2013 14:58

rapporto

So di un altro rapporto: il Fondo monetario internazionale propone un’imposta obbligatoria del dieci per cento sui saldi di risparmio. Ciò significherebbe che i risparmiatori in Austria perderebbero di nuovo miliardi. L’interesse sul risparmio è basso. Ciò significa che i risparmiatori perdono gradualmente denaro mentre gli stati possono convenientemente ridurre i loro debiti.

christian95, lunedì 4 novembre 2013 14:59

rapporto

Di conseguenza, i risparmiatori austriaci perdono 3,5 miliardi di euro all’anno …

Lunedì 4 novembre 2013 22:29

rapporto

Sì, l’ho sentito anche io. E dopo che il tabù è stato infranto a Cipro, dove le banche sono state salvate per la prima volta con i soldi dei risparmiatori, ora sembra essere la norma, perché una volta che il “principio” è stato rovinato, la vita è completamente senza vergogna. E non porti i tuoi soldi in banca in modo che siano ragionevolmente sicuri, ma in modo che possano aiutare se stessi quando hanno giocato di nuovo. Gli stati sono già dissanguati, ora è il momento della ricchezza privata, ma continuiamo a gironzolare nella direzione della concentrazione, perché nessun sacrificio è troppo grande per noi per il libero mercato finanziario e prima che tutti siano in mutande non c’è freno alle loro bocche. La peste sul collo. .

wintersunMon., 4 novembre 2013 22:39

rapporto

http://www.focus.de/finanzen/news/staatsverschuldung/tid-34471/sparer-sollen-bluten-irre-iwf-idee-zehn-prozent-sonderabgabe-auf-deutsche-sparguthaben_aid_1147912.html La mia opinione: Cipro era con Sicurezza un test. E con nostro rammarico, ciò è andato bene perché la rivolta contro di essa è stata molto limitata. Ora tutti vengono derubati in quello che sembra essere un modo completamente legale. Devono solo ridere dei rapinatori di banche lassù.

Ignaz-Kutschnberger, lunedì, 4 novembre 2013 22:43

rapporto

Cosa ti turba ?? … le banche fallimentari GRECHE sono un grande affare per i loro proprietari … la mafia sta combattendo tra loro per i diritti di condivisione … Cosa pensi che i telefoni cellulari dell’UE siano monitorati … quando verrà trasferito il prossimo pagamento di salvataggio, nient’altro …

Registrati

Connettiti con facebook

Lun 04 nov 2013 13:48

rapporto

Apparentemente non c’era nessun lobbista di plastica con un sacchetto di plastica pieno ……..

Ignaz-Kutschnberger, lunedì, 4 novembre 2013 22:45

rapporto

🙂 … non preoccuparti, dai …

Registrati

Connettiti con facebook

Pagina 1 di 1 ”

Oggi è di nuovo una vacanza. Più precisamente: il giorno dell’Ascensione. Quello che è solo un termine nel calendario per molti, che suggerisce un giorno di riposo, è una grande festa per la Chiesa cattolica, quindi cosa si celebra esattamente il giorno dell’Ascensione?

Tradotto dal latino o dal greco antico, il giorno di oggi significa in realtà “Ascesa del Signore” o “L’accoglienza del Signore”. Si celebra l’ascesa di Gesù Cristo al cielo. Ora l’uno o l’altro potrebbe chiedersi perché celebriamo l’ascesa di Gesù solo oggi, quando è risorto dai morti la domenica di Pasqua. In effetti, la risurrezione di Gesù e la sua assunzione al cielo non venivano sempre celebrate separatamente.

Quello che celebriamo oggi

Il credo della Chiesa cattolica dice: “Crocifisso, morto e sepolto, disceso nel regno della morte” – commemoriamo la morte di Cristo il Venerdì Santo. E ancora: “Risorto dai morti il ​​terzo giorno” – celebriamo questo evento la domenica di Pasqua. “Asceso al Cielo” – e questo è esattamente il giorno che commemoriamo oggi. E se hai dato un’occhiata più da vicino al tempo tra Pasqua e il giorno dell’Ascensione, potresti aver notato che ci sono esattamente 40 giorni tra i due giorni festivi (compresa la domenica di Pasqua).

© iStockphoto.com

Quindi, mentre Gesù è risorto dai morti a Pasqua, cioè è tornato in vita, ora ascende come tale al cielo. Senza morire di nuovo e senza lasciare un cadavere. Questo giorno di festa era spesso rappresentato anche con un Gesù, di cui si possono vedere solo i piedi e le gambe nella parte superiore dell’immagine. Lo scopo di questa immagine era di chiarire che il Figlio di Dio è stato portato in cielo con anima e corpo. Dopotutto, dice: “Egli siede alla destra di Dio, il Padre Onnipotente”. E anche questo dettaglio è importante, poiché il posto alla destra del padrone di casa è appartenuto all’erede al trono oa un ospite d’onore sin dai tempi antichi.

Quindi sempre un giovedì

Ma torniamo alla domenica di Pasqua: poiché il giorno dell’Ascensione si svolge 40 giorni dopo la Pasqua, questa festa cade sempre di giovedì. Mentre la prima data possibile per l’Ascensione è il 30 aprile, l’ultima data possibile è il 2 giugno. A proposito, dieci giorni dopo il giorno dell’Ascensione celebriamo la Pentecoste.

© iStockphoto.com

Il giorno dell’Ascensione cade in questi giorni per i prossimi anni:

  • 2020: 21 maggio
  • 2021: 13 maggio
  • 2022: 26 maggio
  • 2023: 18 maggio
  • 2024: 9 maggio

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

Il biologico non deve essere più costoso, lo shopping sostenibile non deve essere più complicato. Al contrario: con i giusti consigli risparmierai e renderai il mondo un po ‘migliore. Ti diremo come!

1. Affitta un campo!

Invece di un piatto pronto, preferiresti le verdure raccolte da te, anche senza la tua fattoria! Questo è possibile a Salisburgo, Bassa Austria, Stiria e Vienna. di

selfernte.at

puoi piantare e raccogliere la tua vegetazione!

2. Va bene per meno!

Comodo, elegante, prodotto in condizioni di lavoro eque. Con biancheria intima da

pantstopoverty.com

sostenere i lavoratori dall’India.

3. Acquista sano

Il detersivo biologico è ottimo, solo: dove lo trovi? Garantito dietro l’angolo! È possibile trovare indirizzi di “negozi verdi” con generi alimentari e prodotti non alimentari in tutta l’Austria all’indirizzo

bioshopping.lebensministerium.at

.

4. Verdure frutta

Mangia solo verdura, frutta, cereali per un giorno! La produzione di carne, pesce e latticini causa in media da 0,7 a 1 tonnellata di CO2 all’anno e per persona. Un giorno senza fa risparmiare circa 78 kg di CO2!

5. Dare un cestino!

Non utilizzare sacchetti di plastica durante la spesa! Ognuno impiega circa 450 anni per marcire! Alcuni rivenditori di generi alimentari si affidano già a prodotti realizzati con materiali biodegradabili.

6. Sotto pressione

L’utilizzo di cartucce riciclate è ecologico e consente anche di risparmiare denaro. I costi di stampa a confronto: 11,6 centesimi a pagina per una nuova cartuccia – 2,4 centesimi per una cartuccia ricaricabile!

7. Nella regione!

Non solo preferire i prodotti regionali quando si tratta di cibo! Il traffico merci su camion in Austria produce circa 10 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, ovvero circa 1.234 chilogrammi a persona!

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

Commenti

Registrati

Connettiti con facebook

Oggi è di nuovo una vacanza. Più precisamente: il giorno dell’Ascensione. Quello che è solo un termine nel calendario per molti, che suggerisce un giorno di riposo, è una grande festa per la Chiesa cattolica, quindi cosa si celebra esattamente il giorno dell’Ascensione?

Tradotto dal latino o dal greco antico, il giorno di oggi significa in realtà “Ascesa del Signore” o “L’accoglienza del Signore”. Si celebra l’ascesa di Gesù Cristo al cielo. Ora l’uno o l’altro potrebbe chiedersi perché celebriamo l’ascesa di Gesù solo oggi, quando è risorto dai morti la domenica di Pasqua. In effetti, la risurrezione di Gesù e la sua assunzione al cielo non venivano sempre celebrate separatamente.

Quello che celebriamo oggi

Il credo della Chiesa cattolica dice: “Crocifisso, morto e sepolto, disceso nel regno della morte” – commemoriamo la morte di Cristo il Venerdì Santo. E ancora: “Risorto dai morti il ​​terzo giorno” – celebriamo questo evento la domenica di Pasqua. “Asceso al Cielo” – e questo è esattamente il giorno che commemoriamo oggi. E se hai dato un’occhiata più da vicino al tempo tra Pasqua e il giorno dell’Ascensione, potresti aver notato che ci sono esattamente 40 giorni tra i due giorni festivi (compresa la domenica di Pasqua).

Comments are closed.